• Segreteria: + 39 334 9320961
  • circolomusicaleverdi@gmail.com

Sonia Ballarin

Sonia Ballarin

Teoria musicale – Armonia – Composizione

SONIA BALLARIN – Curriculum     Ha brillantemente conseguito i Diplomi in Organo e Composizione Organistica e Clavicembalo presso il Conservatorio Statale di Udine. Ha proseguito gli studi musicali perfezionandosi nel repertorio e prassi esecutiva con vari docenti di fama internazionale.   Dal 1995 è attiva come organista in varie formazioni strumentali. Dal 2006 partecipa come cembalista e pianista in produzioni concertistiche e discografiche dell’Accademia Secolo XXI, e altre formazioni, con cui si è esibita in diverse sedi e rassegne internazionali tra cui Teatro Goldoni di Venezia, Teatro Verdi di Padova, Teatro Salieri di Legnago, Radio di Stato ungherese, Valle dei Templi di Agrigento, Altolivenza Festival, Mittelfest di Cividale, Festival Organistico Internazionale di Treviso.   Come tastierista ha registrato il Cd “Open Dialogues” (2006) prodotto dall’Accademia Secolo XXI, successivamente pubblicato da RaiTrade nel 2010. In qualità di pianista solista ha registrato il Cd “Orchestral Movements” (2010) per RaiTrade con la Budapest Symphony Orchestra MAV, con musiche di A. Canonici e V. Zoccatelli dirette dagli stessi autori e il CD “Napoleon Coste” per l’etichetta Dynamic (2016) in duo con l’oboista Enrico Calcagni.   Esordisce come compositrice e interprete per l’editore GDM Music di Roma con la pubblicazione dei CD “Jeux et Paysages” (2012) e “Landscape” (2013), registrati rispettivamente  con l’Ensemble Accademia Secolo XXI e l’Orchestra d’Archi Arrigoni.   Le sue musiche sono utilizzate in trasmissioni radiofoniche e televisive della RAI e di altre emittenti private nazionali.   Nel 2014 ha composto per l’editore TSM la colonna sonora del documentario “Gioielli”, inserito tra i “Nove itinerari” di Villa Giulia –  Roma, guida multimediale al museo con regia di F. Viviani.   Nel 2015 realizza in veste di pianista ospite il Cd monografico “Mediterraneo” (musiche di V. Zoccatelli) pubblicato nel 2016 presso l’editore M.E.P. di Roma.